Rosolini, Lettera del sindaco Calvo ai colleghi di Parigi e Venezia per esprimere vicinanza e cordoglio

Rosolini, Lettera del sindaco Calvo ai colleghi di Parigi e Venezia per esprimere vicinanza e cordoglio

Rosolini, Lettera del sindaco Calvo ai colleghi di Parigi e Venezia per esprimere vicinanza e cordoglio
18 Novembre 2015







Il sindaco Corrado Calvo ha inviato una lettera ai colleghi di Parigi e Venezia per esprimere, a nome suo personale, della Giunta, del Consiglio Comunale e della città tutta, vicinanza e cordoglio per i tragici fatti che hanno colpito Parigi venerdì sera.

Così scrive testualmente il primo cittadino rosolinese al sindaco di Parigi: “cara Collega, a nome del Consiglio comunale, della Giunta e della comunità che mi onoro di rappresentare, esprimo a Te e a tutti i cittadini di Parigi la nostra più sincera e profonda vicinanza. Il vostro dolore è anche il nostro. Ti testimonio anche la più ferma ed assoluta condanna della furia oscurantista e della barbarie terroristica che si sono abbattute sull’incolpevole popolazione parigina, da sempre simbolo di cosmopolitismo e di interculturalità fra i popoli. Colpendo la Francia, patria dei principi fondanti della civiltà occidentale, si è inteso colpire l’Europa intera e i valori di libertà che essa incarna. Di fronte a tutto ciò occorre una risposta forte e univoca, sollecitando tutti gli Stati dell’Unione europea a una politica veramente unitaria e lungimirante, che persegua la convivenza pacifica fra i popoli ma che sappia anche adeguatamente difenderla. I cittadini di Rosolini, profondamente commossi, con una serie di iniziative manifestano il loro sdegno contro il vile e bestiale attacco al nostro modo di vivere, ai valori di libertà e democrazia che ci legano così profondamente e la sincera solidarietà alle vittime del barbaro massacro. Fraternamente”.

Questo invece il testo della lettera che il sindaco Calvo ha inviato al suo collega di Venezia per esprimere, il cordoglio per la scomparsa della giovane ricercatrice Valeria Solesin: “la nostra più profonda e sincera solidarietà per la perdita della giovane Valeria, vittima incolpevole della furia oscurantista e della barbarie terroristica. Il dolore della famiglia Solesin e della città di Venezia, da sempre patria della tolleranza e del dialogo interculturale, è anche il nostro. Colpendo la Francia, patria dei principi fondanti della civiltà occidentale, si è inteso colpire l’Europa intera e i valori di libertà che essa incarna. Di fronte a tutto ciò occorre una risposta forte e univoca, sollecitando tutti gli Stati dell’Unione europea a una politica veramente unitaria e lungimirante, che persegua la convivenza pacifica fra i popoli ma che sappia anche adeguatamente difenderla. I cittadini di Rosolini, profondamente commossi, con una serie di iniziative manifestano il loro sdegno contro il vile e bestiale attacco al nostro modo di vivere, ai valori di libertà e democrazia che ci legano così profondamente e la sincera solidarietà ai Veneziani e alla famiglia Solesin, così crudelmente colpita".

Riproduzione riservata ® - Termini e Condizioni

I commenti verranno resi pubblici dopo l'approvazione della redazione. Vedi regolamento